VIAGGIO NEL PENSIERO DEI NO VAX

Pubblicato da Dott. Adriano Bruni il

VIAGGIO NEL PENSIERO DEI NO VAX

 La libertà sta subendo un attentato mortale, nel nome della difesa della salute e della sicurezza, il biopotere invade la sfera privata imponendo le sue leggi disciplinari, trasfigurando lo stato di eccezione in una regola, lo stato di emergenza  esautora le istituzioni democratiche della loro essenza introducendo una virata totalitaria dagli esiti inquietanti. Sostengono che esiste un filo rosso che unisce le leggi speciali antiterrorismo  con quello che sta accadendo ora con la dittatura sanitaria . Non discriminare l’emergenza terrorismo dall’emergenza pandemica, esercizio che anche un bambino saprebbe argomentare, rivela come il convincimento assiomatico delle tesi generali non sappia confrontarsi con la prova della realtà, la vaccinazione non è espressione del biopotere, ma la risposta della comunità degli uomini alla violenza omicida del virus. In questa posizione troviamo una concezione neo – liberista della libertà, aristocraticismo, individualismo, complesso di superiorità, l’idea conscia o inconscia del popolo come massa acefala , gregge, luogo di alienazione del pensiero critico. Una categoria diversa è quella dei no vax salutisti. La loro preoccupazione non si ispira né all’antipolitica, né alle strategie occulte del biopotere, ma ad una sincera preoccupazione relativa agli effetti, soprattutto a lungo termine, dei vaccini sui nostri corpi. Il fanatismo lascia qui il posto alla paura. L’assenza di prese di posizione ideologiche rende ancora possibile il confronto e la possibilità della  persuasione. Dal punto di vista strettamente psichico, la paura di assumere il vaccino è la stessa di viaggiare in aereo.

La libertà sta subendo un attentato mortale, nel nome della difesa della salute e della sicurezza, il biopotere invade la sfera privata imponendo le sue leggi disciplinari, trasfigurando lo stato di eccezione in una regola, lo stato di emergenza  esautora le istituzioni democratiche della loro essenza introducendo una virata totalitaria dagli esiti inquietanti. Sostengono che esiste un filo rosso che unisce le leggi speciali antiterrorismo  con quello che sta accadendo ora con la dittatura sanitaria . Non discriminare l’emergenza terrorismo dall’emergenza pandemica, esercizio che anche un bambino saprebbe argomentare, rivela come il convincimento assiomatico delle tesi generali non sappia confrontarsi con la prova della realtà, la vaccinazione non è espressione del biopotere, ma la risposta della comunità degli uomini alla violenza omicida del virus. In questa posizione troviamo una concezione neo – liberista della libertà, aristocraticismo, individualismo, complesso di superiorità, l’idea conscia o inconscia del popolo come massa acefala , gregge, luogo di alienazione del pensiero critico. Una categoria diversa è quella dei no vax salutisti. La loro preoccupazione non si ispira né all’antipolitica, né alle strategie occulte del biopotere, ma ad una sincera preoccupazione relativa agli effetti, soprattutto a lungo termine, dei vaccini sui nostri corpi. Il fanatismo lascia qui il posto alla paura. L’assenza di prese di posizione ideologiche rende ancora possibile il confronto e la possibilità della  persuasione. Dal punto di vista strettamente psichico, la paura di assumere il vaccino è la stessa di viaggiare in aereo. La vigilanza dell’Io non vuole arretrare, non accetta di perdere il controllo, di affidarsi ad un altro sapere. Eppure è quello che accade ogni volta che dobbiamo sottoporci , a causa di una malattia, al discorso medico ed alle sue leggi. Esiste una strenua difesa dell’inviolabilità  dei propri confini personali, una profonda angoscia di contaminazione. Si tratta di un prolungamento collettivo del narcisismo ipocondriaco individuale, preservare i propri confini dalla venuta dello straniero. Che si può definire come forma particolare di sovranismo psichico.

Categorie: Blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *